Un lunghissimo articolo di Jason Koon sulla sua concezione del poker moderno, tanti consigli e tante valutazioni

Gioco a poker in modo professionale dal 2008. Nell’ultimo decennio, la mia partecipazione quasi senza limite ai tavoli da poker, si è trasformata da un gioco di sensazioni, mosse e trucchi a uno di precisione scientifica ed esecuzione quasi robotica. Ad alcuni giocatori mancano i “bei giorni”, ma credo che il gioco del poker sia più bello che mai. 

La maggior parte dei fan del poker ricordano i giorni di gloria in cui accendevamo i nostri televisori e guardavano epici tavoli finali delle World Series of Poker o vedevano i giocatori di High Stakes Poker seduti dietro le loro mura di denaro. In ogni colpo, non importa quanto fosse significativo, lo spettatore non ha mai dovuto agonizzare vedendo una persona far passare due minuti prima di foldare. Tutti questi episodi sono stati, ovviamente, modificati prima di essere trasmessi.

Koon: è lo stesso gioco, anche se non lo è

Nell’era moderna, la maggior parte dei contenuti di poker è trasmessa in streaming dal vivo. Il poker in tempo reale ha i suoi vantaggi, ma uno streaming di poker di sei ore non sarà mai in grado di poter essere parificato a un momento saliente modificato e non reale che fa capo al mero intrattenimento. Sono mele e arance.

Quindi penserete che sto dicendo che i giocatori di oggi giocano in media alla stessa velocità dei giocatori di dieci anni fa? No.

Ai tavoli apprezziamo tutti le persone che prendono decisioni rapide quando possibile. Alcuni giocatori sono lenti in situazioni in cui non è necessario perdere del tempo e questo è frustrante sia per i giocatori che per gli spettatori. La maggior parte degli eventi high-roller ora hanno lanciato la moda del clock per combattere questo tipo di comportamento. I players ora hanno tra i 20 e i 30 secondi per prendere la loro decisione prima di usare un time bank, e se useranno tutte le loro cards, la loro mano sarà dichiarata morta.

L’utilizzo del tempo non è esclusiva del poker. I giocatori trascorrono, in media, oltre tre minuti contemplando ogni mossa ai massimi livelli negli scacchi, anche in situazioni che sembrano semplici per la maggior parte degli osservatori.

Un tipico processo di pensiero di Jason Koon

I giocatori che competono ai massimi livelli nel poker si trovano ad affrontare situazioni altrettanto complesse che sono difficili da risolvere, e spesso è complicato capire a cosa stanno pensando senza una comprensione fondamentale della teoria dei giochi. Ora, una breve occhiata al mio processo di pensiero durante uno di questi punti di decisione di 10-30 secondi:

  • Con quale range posso andare in c-bet qui?
  • Qual è il (i) range dei miei avversari?
  • In che modo questo board interagisce con tutti range?
  • Per quale giocatore è il range migliore?
  • Chi ha la percentuale più significativa di mani monster qui?
  • Qual è il mio mix ( la teoria del gioco ottimale prevede l’implementazione di strategie miste. Ad esempio, a volte fai una 3-bet con questa mano, altre volte chiami. A volte checki e chiami una strada con questa mano, ma a volte fai check-raise).
  • Le dimensioni degli stack?
  • Qual è la dimensione del pot?
  • Come è lo stack-to-pot ratio?
  • Qual è la mia betting strategy qui?
  • Esistono size sono necessarie per giocare in modo ottimale?
  • “Giocherò due size, bettando il 30% del piatto e il 90% di piatto”.
  • Come è percepito la mia azione qui, è più aggressiva della mia media globale o più passiva?
  • “Ok, il Jack di quadri può rendermi più aggressivo, quindi sarò il 20% più aggressivo della media globale. Penso che la mia mano favorisca le grandi size qui, ma a volte posso giocare in modo opposto. Ho intenzione di checkare il 20% delle volte bettare per il 30% del piatto il 30% delle volte e bettare grosse dimensioni il 50% delle volte. “
  • Ora mischio i miei gettoni e guardo in basso
  • Qual è la strategia del mio avversario di fronte alla mia bet qui?
  • Come appaiono fisicamente?
  • Chi è il mio avversario, quale history e letture ho su di loro?
  • A quale livello penso che stiano operando e quali sorprese devo prendere in considerazione? 

Questi ragionamenti non includono fattori aggiuntivi come gli step economici al tavolo finale, che ti faranno giocare in modo sostanzialmente diverso in base a variabili casuali nella distribuzione dello stack e nei pagamenti. 

Non tengono conto della fatica e dello stress; spesso giocheremo un final table dopo 10 ore di una sessione di poker e magari stiamo giocando dei premi che non riusciremo ad acquisire per anni.

Le decisioni sono ora più complesse

Posso dirti per esperienza personale che il Jason Koon di sei anni fa giocava, in media, molto più veloce del Jason Koon di oggi. Giocavo più rapidamente perché i punti decisionali mi sembravano più semplici, ma il vero motivo è perché non stavo giocando lo stesso poker che sto giocando oggi.

La maggior parte degli spettatori degli streaming e forse anche alcuni dei giocatori, non capiscono quanto accade nella testa di un giocatore di punta in ogni vero importante punto di decisione, e non mi aspetto che lo facciano. 

È più interessante per uno spettatore guardare il poker ad azione rapida del decennio precedente e, al confronto, i flussi moderni possono sembrare lenti. Non ti sto chiedendo di divertirti. Quello che sto cercando di comunicare è che il gioco a cui stiamo giocando oggi è molto diverso da quello a cui giocavamo anni fa. I migliori giocatori del mondo sono riflessivi perché le migliori giocate richiedono riflessione. Ecco come si presenta il poker ai massimi livelli, oggi. 

E non cambierà.

Condividere.

Comments are closed.