La difesa da Small Blind. Dopo aver analizzato una mano giocata su un tavolo di cash game microlimiti, oggi ci soffermiamo su una dinamica da MTT, vista sui tavoli di poker.

Il torneo è un 6-Max della domenica pomeriggio, siamo in prossimità della bolla del tavolo finale e i 12 giocatori rimasti, sono già tutti a premio, suddivisi in tre tavoli.

Si gioca 4-Handed

Il tavolo al quale facciamo riferimento, è quello del chipleader del torneo, in questo caso raffigurato come “Player 6“, che gioca con uno stack invidiabile, 148 BB a inizio mano e sta letteralmente “sceriffando” il tavolo.

Non sono male nemmeno gli stack dei suoi avversari, anche se il flow della partita è piuttosto aggressivo e non sono poche le mani che originano piatti ben sopra i 10 BB. Uno di questi si crea quando Player 1 decide di aprire la sua mano da Under The Gun.

L’apertura coi Jack, la difesa da Small Blind

Il raise è piuttosto standard in un tavolo 4-Handed da ealry position, 2,2 BB.

Il suo stile al tavolo è stato fin qui piuttosto cauto e ha raggiunto uno stack da 67X in virtù di un paio di spot che si sono risolti a suo favore. Finora ha mostrato praticamente sempre del valore quando è arrivato allo showdown e la sua apertura da UTG, potrebbe fare sollevare più di un sopracciglio ai suoi tre avversari.

Bottone folda senza pensarci nemmeno un momento, ma Small Blind, il Player 5, decide di mettere per giocarsi il colpo fuori posizione. Il chipleader folda da grande buio.

Il flop, Ac/3f/Jq, non è tanto coordinato, lo definiremmo dry, per via della mancanza di draw a colore e un timido draw a incastro con Broadway del tipo KQ, KT, QT, che è possibile siano presenti per l’action pre flop sia da parte dell’OR che del flatter.

L’action post flop

Dopo il non quotato check dello Small Blind, l’original raiser va in continuation bet utilizzando una size molto gettonata negli ultimi tempi, la stessa usata per per l’apertura, 2,2 BB.

Oppo ci pensa qualche istante, prima di clickare sul tasto “call”; si crea così un piatto di circa 10BB e scende una Qc al turn.

Questa è una delle carte che potrebbe creare maggiore action, intanto perché chiude una delle scale di cui abbiamo scritto in precedenza e poi perché apre il draw a cuori che non possiamo escludere a priori nel range di ognuna delle parti.

Al check di Player 5, risponde un check behind di Player 1.

Il river che completa il draw

Al river si completa il draw di colore a cuori, visto che si palesa un 2c. Ricordiamo che il pot è pari a 9,9 BB e questa volta lo Small Blind decide di uscire in puntata per 5BB, circa metà pot.

Il piatto è quindi ora pari a 15 BB, ma ciò che diventa interessante è la risposta dell’original raiser, che decide di rilanciare a 12X, che, se ci rifacciamo a quello che abbiamo scritto in partenza in virtù dello stile di UTG, dovrebbe indurre ad analisi piuttosto approfondite da parte di Player5.

Dopo aver consumato buona parte del suo time bank, lo SB decide di mettere, ma il sistema gli fa muckare le carte, visto che si presenta con Ap 2p per una doppia coppia di Assi e 2.

L’original raiser incamera un piatto discreto, visto che aveva settato fin dal flop una coppia di Jack.

Conclusioni. Errore dello Small Blind al river

Va da sé che una mano di valore come A2s, non può non essere onorata da almeno un call preflop, soprattutto se giochiamo 4-handed, anche se giocheremo il colpo fuori posizione.

Ci sta il call preflop e ci sta anche quello al flop, ma il suo avversario è stato abile a mascherare il suo set con il check dietro al turn.

Quello che torna meno è il bet/call del river, che, ad una analisi più accurata, sembrerebbe abbastanza azzardato, alla luce dello stile dell’OR.

In una situazione di questo tipo, visto che UTG ha dimostrato di non bluffare quasi mai, SB avrebbe dovuto riconoscere come di estremo valore la puntata finale del suo rivale.

C’è infatti pochissimo bluff che si cela dietro una puntata come quella, anche perché tutto il range che SB batte, avrebbe molto probabilmente semplicemente chiamato ( pensate agli assi che non sono diventati two pair e tutte le doppie coppie inferiori, come Q-J ).

 

 

Share.

Comments are closed.