IL GIOCO È RISERVATO AI MAGGIORENNI E PUÒ CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA. |  Probabilità di vincita
Close

Come si gioca

Le puntate sul poker: impara le principali regole delle scommesse sul poker

Imparare quanto scommettere è un'abilità vitale per il tuo gioco. Puntare l'importo giusto ti assicurerà di vincere più mani e di soffrire meno se le cose non vanno così bene. Ci sono molti fattori da considerare per capire quanto dovresti scommettere.

È importante scommettere l'importo giusto, poiché gli errori possono essere costosi. La dimensione della tua scommessa dovrebbe essere correlata alla tua posizione al tavolo e allo stato delle tue carte e del board.

In primo luogo, diremmo che una puntata standard prima del flop (generalmente si pensa che una puntata pre-flop dovrebbe essere circa 3 volte il big blind) può essere una tattica pericolosa in quanto bastano pochi altri che chiamano la tua puntata e la dimensione del piatto aumenterà così rapidamente che molti più giocatori vorranno partecipare per ottenerlo. Inoltre, non sarai in grado di valutare che tipo di mani hanno gli altri giocatori, perché tutti gli altri scommetteranno in virtù della formazione di un grande piatto, piuttosto che dalla forza delle loro mani.

Ciò significa che dovresti scommettere in modo più aggressivo per spaventare quei giocatori che hanno una discreta mano. Una scommessa più grande ti aiuterà anche a valutare la forza delle mani degli altri giocatori, poiché solo quelli con buone mani resisteranno. Se fai una scommessa di importo notevole, questo ovviamente significa che chiunque voglia rimanere nella mano dovrà farlo aumentando anche le loro puntate, quindi la dimensione del piatto stesso aumenterà ancora di più. 

Usa questo a tuo vantaggio.

È il momento di esaminare due degli aspetti più importanti delle scommesse in modo più dettagliato:

  • Scommesse di valore
  • Continuation bet
  • Sidepot

Value bet

Quindi hai una buona mano… ma essa è abbastanza buona? Qui ti mostreremo come decidere se le tue carte valgono un'altra scommessa:

Progettare e vincere le mani

Nel poker, ci sono solo due tipi di mani: le mani vincenti e i progetti. Indipendentemente dalle tue carte, qualsiasi mano che non sia la mano più alta è tecnicamente un progetto (perché speri che migliori in seguito).

Quindi, se la tua mano non è (ancora) vincente, dovrai decidere se vale la pena inseguire il progetto e, in tal caso, come scommetteresti. Ciò si riduce a due fattori:

  1. Quanti out hai per ottenere la probabile mano vincente?
  2. Quanto è grande il piatto o, meglio ancora, quanto sarà grande il piatto?

Dovrai anche decidere cosa hanno o potrebbero avere i tuoi avversari. Questo ti darà le probabilità implicite inverse, le cosiddette “Reverse Implied Odds”: le possibilità che la carta che completa la tua mano dia effettivamente una mano migliore al tuo avversario.

Calcolare i tuoi out

Mostriamo come funziona con alcune mani di esempio..

Esempio di mano n. 1

Flop: J♥ 9♥ 2♣
La tua mano: Q♦ 10♠

Non c'è molto da fare qui. Il raiser pre-flop è stato aggressivo, quindi pensi che abbia una over-pair. Altri due giocatori hanno chiamato la sua puntata e rilanciato, quindi potrebbero trovarsi in un progetto di colore.

Quindi come calcoli i tuoi out in questo caso? Delle otto carte che potrebbero darti la scala, tre non vanno bene (due qualsiasi che farebbero il colore del chiamante e l'overcard che potrebbe dare al raiser il tris). Questo ti lascia con cinque out in totale..

Esempio di mano n. 2

Flop: J♣ 6♦ 5♣
La tua mano: A♣ K♣

Qui abbiamo nove clean out (nove fiori) e due over-card, quindi altri sei out. Se arriva un asso o un re, dovrebbe essere sufficiente per vincere il piatto.
Ma se due giocatori vedono il tuo rilancio dal bottone, potrebbero avere K-J o A-J. Uno di loro potrebbe anche aver floppato un set.

Come puoi vedere, contare gli outs non è una scienza esatta, ma è il modo migliore per capire se andare avanti con una mano o meno. Diremmo che con otto o più outs puoi davvero puntare forte al flop. La tua mano è abbastanza forte da arrivare fino al river. In effetti, se sei in posizione, farai tutto il possibile per provare a prenderti una carta gratis al turn..

Quanto è grande il piatto?

Se conosci i tuoi out, devi calcolare le probabilità del piatto. Ricorda, non ci interessa quanto è grande il piatto, ci interessa quanto esso sarà grande. Quindi devi chiederti, i tuoi avversari continueranno a mettere chip nel piatto? Il giocatore che ti ha chiamato al flop farà lo stesso al turn (soprattutto se hai centrato la tua mano)?

Se le probabilità del piatto sembrano buone, allora dovresti giocare. In effetti, se non lo farai ti costerà dei soldi. Ma tieni sempre a mente le reverse implied odds. 

Esempio di mano n. 3

Hanno rilanciato pre-flop e quattro giocatori hanno partecipato alla festa, quindi decidi di chiamare dal big blind.

La tua mano: 8♥ 9♥
Flop: 10♥ J♣ 4♠

Ora, potresti aver appena floppato un progetto di scala bilaterale, ma non eccitarti troppo. Se l’original raiser pre-flop ha A-K (cosa non improbabile) una regina sarà una cattiva notizia per te. Quindi gioca la mano come se avessi solo quattro out..

Il valore è relativo

Le seconde migliori mani tendono ad essere costose, quindi assicurati che se ottieni la tua overcard, qualcun altro non abbia chiuso la doppia coppia, o se fai la doppia coppia qualcuno non abbia appena chiuso una scala e così via.

C'è anche la possibilità di essere superati in altre strade (quando i set diventano full e i colori diventano colori più grandi). Quindi, se la tua mano sembra abbastanza forte, devi pensare se muoverti ora o aspettare e, potenzialmente, perdere il tuo vantaggio.

Lo stile al tuo tavolo

Molto dipenderà anche dallo stile di gioco al tuo tavolo. Per esempio:

  • Quanto è loose o tight il tavolo dopo il flop?
    Più il tuo tavolo è tight, più devi stare attento ai progetti e viceversa.
  • Quanto è passivo o aggressivo il tavolo dopo il flop?
    Un tavolo aggressivo rende la caccia ai progetti costosa. A un tavolo passivo, dovrai affrontare meno rilanci e ottenere più carte gratuite.
  • Se insegui i tuoi progetti e non li chiudi, puoi bluffare?
    Certo che puoi - semplicemente non bluffare con un cattivo giocatore o con chiunque non possa bluffare. Assicurati che il bluff abbia un senso. Se bluffi e vieni scoperto, mostra la tua mano: è una buona pubblicità.

Di solito, quando si insegue un draw ha senso essere aggressivi. Se hai intenzione di chiamare, perché non rilanci? Il semi-bluff è una tecnica abbastanza potente e vedrà a terra molti avversari.

Quando fare una chiamata per valore

Lo sappiamo: chiamare è difficile. Mentre stai costruendo la tua immagine come giocatore, l'ultima cosa che vuoi fare è andare heads up in una mano e perdere.
In effetti, è esattamente il genere di cose che dovresti fare. Se le persone sanno che sei pronto a giocare carte marginali, ti pagheranno di più quando avrai una mano.

La cosa più importante è che la tua scommessa abbia senso, in base allo stile di gioco del tuo avversario e alla gamma di mani in questa situazione. Se sono felici di scommettere con asso-alto o quarta coppia, puoi capire contro cosa ti trovi. In generale, più aggressiva è la puntata, più è probabile che tu debba fare quella chiamata. E se hai buone ragioni per pensare che il tuo avversario stia bluffando - e le probabilità del piatto sono giuste - dovresti assolutamente chiamare.

Esempio di mano

Sei in heads up su un flop di 9♠ 7♠ 4♣. Il tuo avversario punta € 4 e tu chiami con  5♠ 6♠. Il turn è 5♦ ed entrambi fate check. Il river è J♥ e il tuo avversario punta € 8. 

Ora ci sono € 68 nel piatto, con € 16 per chiamare. Quindi, anche se c'è una possibilità su tre che tu abbia la mano migliore, è corretto chiamare.

Continuation bet

Hai una mano favolosa, hai fatto la puntata e il flop ... beh, il flop ha rovinato tutto. E adesso? Qui insegneremo la continuation bet e come può salvare la situazione:

Perché fare una continuation bet?

In poche parole, una continuation bet è quando scommetti prima del flop perché hai una buona mano, poi appare un inutile trio di carte comuni e punti di nuovo, invece di fare check o foldare, per mantenere l'illusione che la tua mano sia ancora forte, almeno come nel pre flop.

Le ragioni sono semplici:

  1. Non vuoi dare agli altri giocatori l'impressione che stavi andando al flop sperando solo di migliorare il tuo punto.
  2. Vuoi fare la seconda scommessa nella speranza che i tuoi rivali possano potenzialmente foldare di fronte alla tua sicurezza.

È una mossa potente se usata in modo appropriato, che ti consente di vincere molti piatti a cui non hai diritto, semplicemente perché hai mostrato forza. Tuttavia, molti giocatori fraintendono la teoria alla base della continuation bet, credendo che essa dovrebbe sempre essere la metà del piatto. 
Questo non è il caso..

Quanto?

Nei cash game e nei tornei con stack profondi, una continuation bet di metà piatto spesso non è abbastanza grande per portare a termine il lavoro. Se la puntata non minaccia di prendere una grossa fetta dai loro stack, gli avversari spesso ti chiamano con mani marginali come progetti di colore o coppie medie, sperando di essere fortunati e di batterti nelle strade successive. Potrebbero anche chiamare sperando di bluffarti più tardi nella mano - un vero disastro per te.
Pertanto, scoprirai che quando effettui una continuation bet, è meglio assicurarti che la tua puntata post-flop sia abbastanza grande da mettere davvero la paura in tutti i giocatori tranne i più fiduciosi, indipendentemente dalle carte che hanno in mano.

C'è un vantaggio significativo nel giocare in questo modo, dato che è una tattica molto sensibile al contesto, quindi non lo farai ripetutamente, eviterai di farti cucire addosso etichette di prevedibilità, e sarai in grado di indurre la maggior parte dei giocatori a ritirarsi rapidamente, assicurandoti di poter rastrellare in pochi semplici piatti mentre la partita o il torneo continuano.

Diamo un'occhiata a un esempio. Ti siedi al tavolo e ricevi un A♠ and a K♥. Queste sono buone carte per cominciare, e a questo punto non hai idea di quale sarà il flop, quindi vai fiducioso e fai la scommessa. Non colossale, ma abbastanza per dimostrare che sei sicuro delle tue carte.

Poi arriva il flop e sono tutte le carte basse (2-7-4) che non ti servono. Non mostrare paura, poiché ora viene piazzata la continuation bet, una significativamente più grande della tua puntata iniziale. Quello che ti dice è "Sto correndo un rischio", ma quello che dice a coloro che giocano contro di te te è "questo giocatore ha appena avuto conferma della sua fiducia nelle proprie carte, e potrebbe essere saggio lasciar perdere".

I vantaggi di una continuation bet

Mostrare forza, in una varietà di modi nel corso di una partita di poker, è molto prezioso per te perché trasmetti un'immagine fiduciosa di qualcuno che scommette correttamente quando ci sono le probabilità a proprio vantaggio. 

Naturalmente, continuare a scommettere su ogni singola mano ti deluderà alla fine poiché le persone si renderanno conto che stai solo correndo dei rischi nel tentativo di intimidirle. Ma farlo quando hai una mano come quella sopra - carte forti, alte ma nessuna coppia - è saggio in quanto è quasi impossibile che accada ogni volta che ti venga distribuita una coppia.

L'unica cosa che vale la pena tenere a mente con una tattica come questa è l'enorme quantità di rischio che stai correndo. Come accennato in precedenza, la tua continuation bet (una parte delle tue chips abbastanza grande da far sembrare che tu abbia una seria fiducia nella tua mano) più la tua puntata pre-flop significa che stai mettendo a rischio una quantità preoccupante di chips se qualcuno chiama la tua scommessa con una mano migliore della tua.

È una mossa audace e una mossa che non dovresti essere disposto a fare con lo stack più corto possibilema sarebbe meglio utilizzare quando hai uno stack abbastanza grande da provare un bluff temerario come questo. 

Ma quando funziona, è come tutti i momenti nel poker in cui tiri fuori qualcosa come se fossi un membro degli Ocean's Eleven. La continuation bet è lo strumento di un master bluffer: usalo.

Sidepot

Cose che imparerai:

  • Che cos'è un sidepot 
  • Perché alcune persone pensano che non dovresti scommettere su un sidepot
  • Quando dovresti puntare e quando dovresti fare check

È una delle prime cose che impari giocando a poker da torneo: “non puntare su un piatto secondario secco”, il classico sidepot.

La gente dice che se tu e un avversario vedete il flop quando un terzo giocatore è all-in, normalmente non dovreste puntare - perché è più importante eliminare il giocatore all-in che vincere qualche chip extra.

Questo è diventato un errore comune nel poker. In effetti, ci sono molte situazioni in cui è corretto scommettere piuttosto che tentare di mettere fuori gioco il terzo giocatore. Diamo un'occhiata ad alcune situazioni in cui è corretto puntare in un piatto secondario e ad altre in cui è meglio restare attaccati alle proprie chips.

Quando non scommettere

Prima di tutto, parliamo di situazioni in cui questa saggezza ricevuta è vera. Cioè, quando non dovresti scommettere su un sidepot secco.

Una situazione tipo è quando ti trovi nelle fasi bolla di un torneo o quando sei in una fase del torneo in cui sta per esserci un significativo aumento dei premi in denaro. Quindi, il tuo obiettivo principale è quello di eliminare i giocatori. Questo perché guadagni soldi ogni volta che un giocatore viene eliminato.

Ad esempio, immagina di essere in un torneo in cui vengono pagati 27 posti e rimangono 28 giocatori. Il giocatore al 27 ° posto ottiene € 10.000, mentre il 28 ° posto non ottiene nulla.

Se due di voi sono nel piatto e un altro giocatore è all-in, dovresti fare tutto il necessario per eliminare l'avversario che è all-in.

Di solito, questo significa controllare la mano verso il basso per originare la massima possibilità di eliminare il terzo giocatore (se la tua mano non elimina il giocatore all-in, la mano del tuo avversario potrebbe riuscirci). Quindi, in generale, scommetteresti solo una mano molto forte come un set, una scala o un colore - mani che sono virtualmente garantite per vincere il piatto.

Se il terzo giocatore viene eliminato, hai appena guadagnato € 10.000 in denaro reale. Ma se avessi puntato, potresti non aver eliminato il giocatore e potresti anche aver rischiato di uscire tu stesso dalla bolla. Ovviamente, questa alternativa ti costa denaro nel lungo periodo ed è qualcosa che dovresti evitare.

È chiaro che ci sono situazioni in cui non dovresti scommettere e dovresti invece cercare di eliminare i giocatori.

Tuttavia, il grosso errore commesso da così tanti giocatori è quello di trasferire questo consiglio a tutte le situazioni di torneo, invece che solo a quelle specifiche a cui lo si dovrebbe applicare. Lo vedono come un consiglio universale perché non ne comprendono appieno i concetti.

Quando scommettere

Prendiamo la stessa situazione, ma ora ci sono 500 giocatori rimasti, sempre con 27 posti pagati. In questo caso, eliminare un giocatore non ha quasi alcun valore: non ci sono grandi salti di denaro o differenze significative di premio di cui preoccuparsi. È fantastico se mandi qualcuno a parlare coi muri, ma ci saranno comunque altri 472 giocatori da eliminare prima di fare soldi veri.

Di conseguenza, dovresti sfruttare qualunque gioco che abbia il valore atteso più alto in quel momento - la tua equity complessiva nel torneo non è ancora importante. Spesso, questo significa proteggere la tua mano puntando, indipendentemente dal fatto che ci sia un piatto secondario.

Diamo un'occhiata a un esempio:

  • I bui sono 100/200 e il giocatore A rilancia all-in per 1,500. L’azione arriva a te dal bottone e chiami con A♣ Q♠. Anche il big blind chiama, portando il piatto a 4,600.
  • Il flop è Q♣ 9♥ 8♥, che ti dà una top pair con top kicker, una gran bella mano. Il big blind fa check. Ricorda, il giocatore A è ancora all-in.
  • Adesso tocca a te. Questa è una situazione in cui se fosse la bolla, checkeresti sicuramente. Non ti dispiacerebbe troppo se il big blind avesse qualcosa come A♥ 10♥ e facesse un colore o una scala - perché almeno il terzo giocatore sarebbe stato eliminato e avresti fatto dei soldi veri.
  • Tuttavia, nelle prime fasi di un torneo, dovresti quasi sempre scommettere. A questo punto del procedimento, vincere quel piatto da 4.600 è molto più importante che eliminare il giocatore all-in e saresti infastidito se lasciassi che il tuo avversario facesse un colore o una scala e vincesse la mano gratuitamente.
  • Pertanto, dovresti proteggere la tua mano facendo una puntata sufficientemente grande e facendo pagare al tuo avversario per chiudere il suo progetto
  • Poiché la maggior parte dei giocatori generalmente non scommette quando c'è un side pot e un giocatore è all-in, sii consapevole che se vieni chiamato in questa situazione il tuo avversario raramente avrà una mano debole. Se vieni chiamato su un board dall'aspetto dry come Q♣ 7♥ 2♦, dovresti rallentare di conseguenza contro i tipici avversari. Se vieni chiamato su un board super wet e il draw va a segno, dovresti stare invece molto attento.

Come puoi vedere, il poker non è così semplice come alcuni potrebbero dirti. Consigli generici come "non scommettere in presenza di un side pot secco nei tornei di poker" non dovrebbero essere presi per il loro valore nominale, quindi la prossima volta che sentirai Capitan Casino e il suo esercito di rebuy offrire lezioni di poker come questa al tavolo, pensa su ciò che stanno dicendo in modo più dettagliato. Cerca di capire se i concetti sono corretti, prima di applicarli tu stesso. Come questa regola insegna, la saggezza ricevuta non è sempre affidabile.